Il Primo Tricolore alla Nazionale Amputati. Giovedi la squadra per il Mondiale in Messico

18-11-2014

Dopo l’ultimo raduno premondiale, tenutosi lo scorso week end a Correggio, nel corso del quale capitan Francesco Messori e la referente nazionale Sport - Disabili del Csi Anna Maria Manara Nazionale di Calcio amputati Csi hanno ricevuto (nella foto9) dalle mani del sindaco di Reggio Emilia, Luca Vecchi, il primo tricolore italiano, la Nazionale di Calcio Amputati è pronta a volare in Messico.

Per la primissima volta l’Italia parteciperà, dal 28 novembre all’8 dicembre, ai Mondiali di Calcio per Amputati.
Alla vigilia della partenza della spedizione azzurra, giovedì 20 novembre alle 11,45, nella Sala Giunta del Comitato Italiano Paralimpico, in via Flaminia Nuova 830 a Roma, verrà presentata la delegazione della Nazionale Amputati Csi che prenderà parte al Mondiale. Interverranno il Presidente del CSI Massimo Achini, il Presidente del CIP Luca Pancalli, il Presidente Nazionale Calcio Amputati CSI e il tecnico della Nazionale, Renzo Vergnani oltre al  Segretario Generale del CIP, Marco Giunio De Sanctis e ad alcuni giocatori della Nazionale Amputati CSI e alla capodelegazione, la Responsabile Nazionale Attività Disabili del CSI Anna Maria Manara.

Nata da un sogno del giovane Francesco Messori, attuale capitano degli Azzurri, la Nazionale Amputati è divenuta realtà grazie al Centro Sportivo Italiano, che nel 2011 ha permesso anche a chi ha una disabilità di questo tipo di poter giocare a calcio. L’esordio della Nazionale è datato 8 dicembre 2012 ad Assisi, mentre il debutto internazionale è avvenuto il 27 aprile 2013 ad Annecy, contro la Francia. Inserita  nella WAFF (World Amputee Football Federation), nel settembre dello stesso anno la Nazionale Amputati CSI, ha recentemente preso parte in Polonia all’Amp Football Cup, uno dei più importanti tornei internazionali, concluso al quinto posto. Quest’anno, in occasione della festa per i 70 anni del CSI, la squadra ha ricevuto inoltre la “benedizione” di Papa Francesco. Ora la selezione del ct Renzo Vergnani si prepara al debutto nella massima competizione internazionale della WAFF, una partecipazione già di per sé storica per il calcio italiano.